Servizi – Parco auto circolante

image_pdfimage_print

Servizi – Parco auto circolante

L’Osservatorio PUMS offre un servizio di elaborazione dati del parco auto circolante per le sole città aderenti.

Le elaborazioni attualmente disponibili sono le seguenti:
– indice di motorizzazione delle autovetture;
– composizione del parco auto circolante (comunale) in termini di standard emissivi Euro;
– composizione del parco auto circolante (provinciale) in termini di alimentazione;
– fattori di emissione del veicolo medio (per CO2, NOx e PM10).

Nota metodologica

Le elaborazioni presentate fanno riferimento all’anno 2015, l’ultimo per il quale (a settembre 2016) risultano disponibili i dati di popolazione ISTAT e il parco circolante ACI.

Tutti i dati sul parco auto circolante provengono dall’Autoritratto ACI (edizione 2015). La classificazione per standard emissivi Euro è disponibile con livello di dettaglio comunale, mentre la distinzione per alimentazione è presente solamente a livello provinciale.

Per quel che concerne i fattori di emissione del veicolo medio, la stima riguarda le emissioni medie di NOx, PM10 e CO2 del parco circolante comunale, assumendo che la sua composizione sia assimilabile a quella del parco provinciale (l’unico per il quale si abbia a disposizione il dato disaggregato per alimentazione).

La stima è stata eseguita a partire dalla banca dati dei fattori di emissione medi relativi al trasporto stradale elaborati da ISPRA ai fini della redazione dell’inventario nazionale delle emissioni in atmosfera. A tale scopo, ISPRA ha utilizzato il software COPERT 4 v. 11.3, il cui sviluppo è coordinato dall’Agenzia Europea dell’Ambiente nell’ambito delle attività dell’European Topic Centre for Air Pollution and Climate Change Mitigation (ETC/ACM). Le stime sono elaborate sulla base dei dati di input nazionali riguardanti il parco e la circolazione dei veicoli (numerosità del parco, percorrenze e consumi medi, velocità per categoria veicolare con riferimento ai cicli di guida urbano, extraurbano ed autostradale, altri specifici parametri nazionali).

Tale dato è stato quindi adattato allo scenario provinciale ponderando il dato medio nazionale in funzione della composizione del parco auto provinciale da fonte ACI e delle percorrenze in ambito urbano da fonte ISPRA, considerando invariati tutti gli altri parametri usati per la stima a livello nazionale. Altre approssimazioni riguardano l’utilizzo del dato più cautelativo in caso di assenza di informazioni. La stima è stata eseguita con riferimento al solo ciclo di guida urbano.

Tutti i dati relativi alle città di Aosta e Bolzano risultano falsati, in quanto molti operatori del settore dell’autonoleggio trovano conveniente immatricolare le proprie flotte in tali Comuni.

Ciò si riflette sia sulla composizione del parco per standard emissivo (forte presenza di veicoli più recenti), sia sulla classificazione per alimentazione (solitamente non sono disponibili per il noleggio autovetture a GPL, a metano o elettriche).